Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Conferenza "Un sentiero per il futuro: l'agricoltura simbiotica. Non c'è agricoltura senza cultura”

Data:

30/11/2016


Conferenza

Sergio Capaldo, Presidente del Consorzio di allevatori La Granda, Responsabile Zootecnico Nazionale per Slow Food, Responsabile qualità carni del gruppo Eataly e Docente presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, si adopera da anni, a livello nazionale ed internazionale, per la rivalorizzazione della filiera agroalimentare. Partendo dalle riflessioni e dall’esperienza di Expo 2015, si soffermerà in particolar modo su come l’agricolatura simbiotica rappresenti oggi un passo importante verso un’alimentazione di qualità e nel rispetto ecologico.
L’agricoltura simbiotica può essere considerata un’evoluzione dell’agricoltura attuale ed è una sfida verso il futuro.
La filiera del cibo si arricchisce di qualità grazie al fatto che nell’agricoltura simbiotica al primo posto è stato messo il rispetto per la microbiologia del suolo e delle piante e dati scientifici sono ormai in grado di dimostrare che, con questo nuovo progetto produttivo, si possono cambiare i valori e le proprietà nutrizionali del cibo poiché esso è più ricco di microorganismi.
Un altro fattore di non poca rilevanza consiste nel fatto che questo nuovo metodo può assumere un importante ruolo di sostenibilità economica.

Seguirà piccola degustazione a base di carne cruda piemontese.

*********

Sergio Capaldo nasce il 2 maggio del 1953 a Fossano, in provincia di Cuneo, area del Piemonte tradizionalmente dedita all’agricoltura e all’allevamento. Dopo la maturità scientifica sceglie di intraprendere gli studi veterinari, laureandosi ed esercitando la libera professione per molti anni. Durante questo periodo si dedica inoltre all’approfondimento di vari aspetti dell’ambiente contadino effettuando numerosi viaggi all’estero per visitare allevamenti, macelli e ristoranti e per capire il percorso della carne, dall’allevamento al consumatore.
Nel 1996 diventa Direttore dell’Associazione e, successivamente, Presidente del Consorzio di allevatori La Granda.
Nel 2004 viene investito della carica di Responsabile Zootecnico Nazionale per Slow Food e di Responsabile qualità carni del gruppo Eataly, ruoli nei quali è tuttora attivo.
Sempre in quegl'anni inizia la sua collaborazione come docente presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo dove ha la possibilità di condividere la propria competenza in ambito zootecnico. La sua attenzione per la cura dell’alimentazione lo spinge inoltre a dedicarsi a corsi didattici rivolti a quelli che considera i suoi più severi giudici: i bambini.
L’intero percorso di Sergio Capaldo è da considerarsi una ricerca in continua evoluzione che ha come scopo quello di migliorare e ottimizzare tutti i passaggi della filiera agroalimentare tutelandone la qualità e diventando un riferimento per coloro che ne fanno una scelta di vita.
Personaggio di rilevanza ormai internazionale e mediatica .
“La Granda” è un’associazione di allevatori, nata nel 1996, i quali con l’aiuto e la regia del dott. Capaldo hanno dato vita ad un progetto di rilancio della razza bovina piemontese e a una rivalorizzazione del consumo di carne di qualità.
La Granda si basa su concetti fondamentali quali la cutura dell'alimentazione, dando un nuovo ruolo all'allevatore e facendolo diventare anche un buon agricoltore, grazie al quale l'agricoltura evolve e si basa a sua volta sull’equilibrio di tre grandi benesseri : benessere ambientale, benessere animale e benessere umano.

Prenotazione obbligatoria >>>

Informazioni

Data: Mer 30 Nov 2016

Orario: Alle 19:00

Organizzato da : Associazione Piemontesi in Belgio

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Bruxelles, Istituto Italiano di Cultura

1525