Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Mostra di design: "Jouets à jouer. Oggetti nella foresta"

Data:

13/09/2018


Mostra di design:

In un momento di grande attenzione in ambito internazionale per il design Radicale, o Contro Design, il Centro Studi Poltronova propone, nell’ambito di September Design 2018, una mostra storica presso l’Istituto di Cultura Italiana di Bruxelles. Per la prima volta riuniti tutti insieme, vengono presentati gli oggetti simbolo disegnati e prodotti da Poltronova tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta, quando Ettore Sottsass è l’art director dell’azienda. Vi trovano posto: il divano Superonda, la lampada Sanremo e la poltrona Mies di Archizoom Associati; Sofo, divano e poltrona, il tavolino T01, e le lampade Gherpe e Passiflora di Superstudio; la specchiera Ultrafragola di Ettore Sottsass e l’iconica poltrona Joe di De Pas, D’Urbino, Lomazzi.

La mostra si propone di comunicare l’irriverenza e la straordinaria vitalità che hanno contraddistinto quei progetti nel momento della loro ideazione e che risultano tutt’oggi immutate. Quasi dei giocattoli fuori scala, ieri come oggi, sono oggetti che si oppongono agli automatismi della società dei consumi grazie a una fruizione ibrida che garantisce una totale libertà di approccio.

Anche attraverso l’allestimento, che esteticamente rimanda come il sottotitolo al ciclo pittorico delle “città trasparenti” di Alberto Savinio, la mostra trasmette la colorata e dirompente vitalità di quegli anni, prospettando come rispetto a quel sentire sia ancora oggi possibile porsi in contiguità.

Prenotazione obbligatoria in occasione dell'inaugurazione della mostra il 13 settembre >>>

Informazioni

Data: Da Gio 13 Set 2018 a Sab 13 Ott 2018

Orario: Dalle 19:00 alle 21:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

In collaborazione con : Centro Studi Poltronova

Ingresso : Libero


Luogo:

Bruxelles, Istituto Italiano di Cultura

1759