Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nuovo appuntamento online con l'IIC: I rapporti tra Raffaello e l'arte fiamminga.

Data:

25/05/2020


Nuovo appuntamento online con l'IIC: I rapporti tra Raffaello e l'arte fiamminga.

Una lezione speciale di storia dell'arte in occasione del cinquecentenario della morte di Raffaello, insieme a Vittoria Papa Malatesta, storica dell'arte e docente all'IIC Bruxelles.

Il video verrà pubblicato non appena disponibile durante la giornata del 25 maggio, su questa pagina, sul nostro canale youtube e sui nostri social.

L’arte delle Fiandre, con l’utilizzo della pittura ad olio e la restituzione minuziosa della realtà, si diffonde in Italia già nella prima metà del Quattrocento. Raffaello, a fine secolo, ne ha assorbito i principi fondamentali, amalgamandoli con la naturalezza che gli era propria all’interno di un linguaggio che dialoga ormai con gli altri grandi del Rinascimento, Leonardo e Michelangelo. La creazione di questo nuovo stile, definito la “Maniera moderna”, diventa nel 1500 il modello ineludibile per gli artisti fiamminghi che accorrono a Roma, tra cui il grande estimatore di Raffaello, Michiel Coxcie.

Vittoria Papa Malatesta ha insegnato nelle Università di Napoli (‘L'Orientale’ e ‘Suor OrsolaBenincasa’) e Salerno. Ha studiato all’Università di Napoli ‘Federico II’, dove ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca nel 2004. I suoi interessi riguardano la storia delle forme artistiche in Italia e in Europa tra Medioevo e Rinascimento. Ha pubblicato diversi saggi incentrati su queste tematiche ed una monografia su Emile Bertaux, che al principio del XX secolo concepì la prima storia dell’Arte del Mezzogiorno d’Italia.

 

Informazioni

Data: Da Lun 25 Mag 2020 a Mar 30 Giu 2020

Orario: Alle 12:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

Ingresso : Libero


1996