Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’assassinio di Giacomo Matteotti. Giornata di studi all’ULB

Affiche Institut

Evento in lingua francese

Il fascismo prese piede in Italia dopo la Marcia su Roma del 1922.  Il regime fu imposto con la violenza e gli assassinii, ma il Re affidò il potere a Mussolini. Il nuovo regime fu ben accolto dalla destra, che lo vedeva come un vigoroso “ritorno all’ordine”. All’estero, Mussolini fu ampiamente caricaturato come un Cesare improvvisato, ridicolo ma innocuo.

Il rapimento e l’assassinio del deputato socialista Matteotti, che si era opposto a Mussolini alla Camera e aveva contestato il risultato delle elezioni appena svoltesi in un clima di violenza, fu uno shock per l’opinione pubblica. Il delitto ordinato da Mussolini scosse temporaneamente il regime fascista, ma precedette di poco il suo rafforzamento, l’instaurazione ufficiale della dittatura e la fine della monarchia parlamentare. I due campi erano ormai chiaramente separati.

Matteotti non fu certo la prima vittima del fascismo, ma ne divenne il simbolo. All’estero, e in particolare in Belgio, fu venerato non appena si seppe della sua morte. Gli sono stati dedicati un monumento, strade e persino una canzone in vallone!

La giornata di studi proposta dal CHSG dell’ULB si concentrerà sulle mobilitazioni di vari ambienti politici e filosofici belgi in relazione a questo importante evento della storia italiana, e le confronterà con altre mobilitazioni in memoria del martire dell’antifascismo.

9h30: Accoglienza
10h-12h Mattina (Presidente di seduta : Francine Bolle, ULB)
10 h: Introduzione: “Perché ricordare l’assassinio di Giacomo Matteotti ? ” (Anne Morelli, ULB)
10h30: “Che cos’è un martire politico nel XX secolo? ” (Pierre Marie Delpù, ULB)
11 h: “Il ricordo di Giacomo Matteotti all’estero” (Giacomo Colaprice, Università di Bari)
11h30: ” I socialisti belgi e il culto di Matteotti” (Joffrey Liénart, Bibliothèque et Archives de l’Institut Emile Vandervelde)
12h : Pausa pranzo
13 h: Visita alla mostra su Matteotti et il Belgio presso la la Bibliothèque de Sciences Humaines de l’ULB
14h-16h: Pomeriggio (Presidente di seduta : Cécile Piret, ULB)
14 h: “La reazione dei comunisti belgi all’assassinio” (François Belot, CARCOB)
14h30: “La massoneria italiana e Giacomo Matteotti” (Fulvio Conti- Università di Firenze)
15h: ” La memoria di Matteotti in Italia dopo il fascismo” (Stefano Gallo, CNR et Directeur scientifique de la Bibliothèque Franco Serantini)
15h30: Dibattito
16 h: Chiusura dei lavori
  • Organizzato da: Université Libre de Bruxelles
  • In collaborazione con: Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles